Neuromarketing cos'è e come funziona

La scienza al servizio del prodotto

Tiziana Troisi 12/02/2022 0

Chi si occupa di marketing da sempre lo sa bene: il marketing serve per indagare meglio la mente del consumatore, per capire meglio il suo punto di vista, i suoi desideri e le sue aspettative.

È solo studiando meglio la psicologia e le abitudini di consumo del potenziale cliente che un grande brand può sperare di centrare l’obbiettivo di vendita.

Il marketing tradizionale prevede che l’opinione dei potenziali clienti venga rilevata attraverso i sondaggi di opinione o i focus group. Le risposte a queste domande non sono mai precise abbastanza: ci sono tantissimi motivi psicologici o sociali che possono spingere le persone a mentire.

Come fare allora a capire cosa pensano davvero le persone? Si dovrebbe poter entrare nelle loro menti ma per adesso, non esiste ancora modo per farlo.  

La scienza, però, sta andando sempre più lontano. In particolare, negli ultimi anni si sta dando molto spazio allo studio del cervello umano ed in particolare alla risposta cerebrale ad alcuni stimoli esterni.

Neuroscienze: a che punto siamo

È proprio di questo che si occupano le neuroscienze: una branca delle scienze che indaga la risposta neuronale agli stimoli esterni.

Gli stimoli a cui il cervello reagisce  possono essere di vario tipo: stimoli di tipo visivo, di tipo uditivo, stimoli emotivi.  Ogni cosa che vediamo intorno accende una specifica aria della corteccia cerebrale, a seconda delle emozioni che evoca.

È innegabile che questa nuova deriva della scienza ha aiutato a conoscere il comportamento umano e i meccanismi organici che si nascondono dietro un qualcosa di cosi semplice come la percezione.

E cosi abbiamo scoperto che nulla è scontato e che tutto, ma proprio tutto, provoca una reazione: basta un font diverso o un colore diverso per suscitare emozioni differenti.

Con gli studi di psicologia cognitiva di studiosi come Paul Broca, si è potuto vedere con i propri occhi le aree del cervello accendersi dopo aver ricevuto uno stimolo preciso.

Oggi, grazie alla scienza sappiamo che la scelta dei dettagli è una parte fondamentale per la costruzione di qualsiasi prodotto destinato al consumo.

Neuromarketing: il contatto tra marketing e scienza

Proprio da questa consapevolezza nascono gli studi di neuromarketing: si tratta di una disciplina in cui la conoscenza empirica delle neuroscienze viene applicata alle indagini di marketing.  Già, perché anche se marketing e scienze sembrano due discipline piuttosto lontane, hanno in comune più di quanto si possa pensare.

Vediamo insieme quali sono i punti in comune alle due discipline:

  • Entrambe le discipline sono piuttosto empiriche: il marketing, come la scienza, è una disciplina fatta di numeri e misurazioni. Soprattutto quando si tratta di marketing digitale, in cui sono proprio questi dati a dare la misura di quanto una campagna possa essere riuscita.
  • Un’altra cosa in comune è sicuramente il fatto che, in un certo senso, entrambi studiano l’essere umano. Se la scienza studia l’essere umano dal punto di vista biologico, il marketing si occupa della sua dimensione più squisitamente sociale e sociologica. Il marketing è di fatto una scienza che tenta a suo modo di comprendere i comportamenti umani.

       Applicazioni del neuromarketing

Da questa commistione il marketing ha attinto gran parte della sua innovazione, soprattutto dal punto di vista della raccolta dati e dei risultati ottenuti. Sfruttando le conoscenze acquisite grazie alle neuroscienze, chi realizza campagne di marketing può farlo tenendo conto di varianti che prima non venivano considerate importanti.

 

A decidere se uno spot colpisce sono tantissime cose a cui di solito non si fa caso:

  • Font del prodotto: scegliere quello giusto non è solo una questione estetica ma può caratterizzare un vantaggio nella percezione
  • Stesso discorso vale per forme e colori scelti per il logo del brand, che fanno proprio parte dello studio visivo specifico per ogni marca o prodotto nuovo.

Grazie alle neuroscienze è possibile capire meglio i desideri e le reazioni reali del pubblico di riferimento e si riesce a realizzare campagne piuttosto mirate e precise. Sapere le emozioni che quello che si sta creando susciterà nello spettatore pone i marketers in un dubbio vantaggio.

Attenzione: il vantaggio non deve essere visto come un qualcosa di poco etico, ma come un semplice strumento di marketing.

Quanto più si arriverà a conoscere l’essere umano, tanto più chi si occupa di consumi riuscirà a fare centro.

E tu, conoscevi il neuromarketing?

Potrebbero interessarti anche...

Gabriella Avallone 28/10/2020

Che cos'è il Growth Hacking

 

Se ne sente stesso parlare ai meeting o alla convention legate al mondo del marketing ma che cos’è il Growth Hacking?

 

Partiamo dalla sua definizione che si concentra su alcune parole chiave come: processo, sperimentazione, efficienza e crescere. Il significato si aggira intorno ai 4 temi anche se la traduzione più fedele dall’inglese sarebbe “pirata della crescita” ma diciamo che in italiano suona molto male. Ad ogni modo il significato intrinseco sarebbe quello di crescere, ragionando fuori dagli schemi.

 

Il Growth Hacking nasce da un post di Sean Ellis il 26 luglio 2010, dove scriveva “Find Growth Hacker for your startup”. Ellis si occupava di marketing per le più importanti start up della Silicon Valley. Si, stiamo parlando dello stesso Sean Ellis che ha trasformato il referral program di Dropbox, facendolo passare da 100.000 utenti a 4 milioni in 15 mesi.

 

Egli si occupava di far crescere le aziende, veniva da chiamato da aziende dal calibro di Eventbrite, Kissmetrics e Dropbox e così via. Le aiutava a crescere nel giro di 6-12 mesi attraverso un metodo ben preciso. Tutto era basato step by step e tutto ciò era un nuovo modo di fare marketing.

 

Per molti è visto come una minaccia per il marketing inteso tradizionalmente ma in effetti ciò che è molto diverso è il tipo di approccio. Si può dire che è più vicino al digital marketing ma ad ogni modo in molte aziende le persone fanno Growth Hacking da una vita ma non sanno che si chiama così.

 

Il Growth Hacking è “Processo”:

Vuol dire che è un’attività che richiede del tempo, non è di sicuro un’azione che viene compiuta una tantum. Il tipo di processo è inteso per un Growth Hacker come una strategia rapida e continua basata su esperimenti volti a coinvolgere il marketing dell’azienda, brand o prodotto, fino a trovare quello vincente: il Growth Hack.

 

Il Growth Hacking è “Esperimento”:

I tipi di esperimenti utilizzati per agevolare questo processo, possono coinvolgere tutto il team o l’area business. Questi vengono scelti e cambiati ogni giorno e così di seguito vengono analizzati e monitorati, passo dopo passo attraverso i nuovi numeri, i nuovi click o le ultime conversioni. Tutto sarà appuntato in un file Excel, tutto sarà schematico e leggibile.

Naturalmente per essere definito tale, un esperimento deve essere:

-       Misurabile: per risalire alla causa-effetto che l’ha scatenato;

-       Ripetibile: deve essere possibile ricreare le stesse condizioni nel caso in cui fosse andato a buon fine;

-       Scalabile: la scalabilità è legata alla ripetitività citata sopra, difatti deve essere poter ripetuto su scala, quindi replicato da 1 a 100 o più.

 

Il Growth Hacking è “Efficienza”:

Tutti sono bravi a far crescere un loro progetto o a parlare di business con tanti soldi pronti da investire. L’obiettivo del Growth Haker è di ottimizzare al massimo questo processo fino a trovare la combinazione vincente per ogni business. Sicuramente ciò non vuol dire che sia un processo a costo zero ma che tende a fare un uso ponderato ed ottimizzato del budget a disposizione.

 

Il Groth Hacking è “Crescita”:

La crescita in questo caso va oltre l’aspetto del marketing ed invade proprio la sfera del business. Naturalmente un’azienda può essere già cresciuta, dipende dalla sua fase, ma ciò non vuol dire che non possa essere migliorata.

 

Le caratteristiche che più racchiudono questo processo sono: creatività, adattabilità, espandibilità, rapidità.

 

Se vuoi scoprire cosa si studia per diventare un Growth Hacker seguici nei prossimi articoli.

Leggi tutto

Tiziana Troisi 02/02/2022

Social Trend 2022: il futuro dei social network

 

Un altro anno è cominciato e con lui è cominciato il periodo peggiore per chi si occupa di social media. No, non è tempo di bilanci, è tempo di redigere nuovi calendari editoriali. Quello di programmare i contenuti per i mesi a venire sembra una cosa semplice e intuitiva, ma non è assolutamente cosi.

Per fare in modo che tutto funzioni al meglio, è necessario declinare i vari contenuti in base alla piattaforma su cui vengono distribuiti. Ogni anno le piattaforme cambiano, per adattarsi ai trend ed abbracciare le nuove esigenze dei fruitori di contenuti.

Chi lavora con i social quindi non deve solo produrre e distribuire contenuti. È tenuto ad essere sempre aggiornato riguardo agli ultimi trend dei social e a come cambiano le modalità di fruizione.

Come si fa a capire in che direzione stanno andando i social? Studiando il modo in cui gli utenti interagiscono con i contenuti presenti, quanto tempo utilizzano ogni piattaforma, cosa guardano e per quanto tempo lo guardano.

Si tratta di studi fondamentali, basati anche sull’analisi della soglia di attenzione, una variabile importantissima per chi si occupa di social.

Per facilitare almeno un po’ il lavoro di chi si occupa di social, abbiamo deciso di analizzare i trend per l’anno 2022. Cosa cambierà sui social per quest’anno?

Social trend 2022: Facebook diventa di nicchia

Partiamo dal social più diffuso e più utilizzato. Per il nuovo Facebook ci saranno dei cambiamenti molto grvideo brevissimi, di massimo un minuto, cosi come sono i reel di Instagram.

Anche chi cercherà sul social contenuti informativi dovrà accontentarsi di video brevi: la soglia dell’attenzione di chi fruisce di questi contenuti è decisamente bassa. Al centro del nuovo anno sul social di Mark Zuckemberg ci saranno i gruppi. Sembra strano pensarci, ma dopo un’onoratissima carriera da social generalista, Facebook è pronto a crescere e  diventare un social dedicato alle nicchie.

Gruppi piccoli di persone accumunati da interessi comuni verso determinati argomenti o prodotti che si scambiano opinioni e consigli possono essere un luogo dove generare traffico importante e utile da sfruttare. Non solo: studiando queste nicchie si possono avere molte informazioni sulle abitudini di consumo degli utenti.

Instagram on demand

Passiamo ad analizzare Instagram: anche qui continua la scelta di dedicarsi ai video, incoraggiando i creators a creare più contenuti per mantenere vivo il rapporto con i clienti. Da analisi di mercato è emerso hi volesseche il pubblico tende a privilegiare i contenuti divertenti. C’è bisogno di ridere, quindi, il diktat per il nuovo anno è essere leggeri, anche quando si deve sponsorizzare un prodotto.

Proprio per dare sostegno ai creator, si è pensato si creare una sezione privata, a pagamento, per chi volesse accedere a contenuti esclusivi. Questa probabile funzione è stata sperimentata a campione solo su alcuni profili, per testarne il successo.

Insomma, il futuro di Instagram è decisamente affidato ai creator e alle adv. Ecco perché per le aziende è fondamentale stipulare accordi duraturi con la persona giusta che possa agganciare il pubblico giusto.

Tik Tok punta alle live

Non possiamo negarlo: oggi è Tik Tok a dettare davvero legge sui social: è proprio grazie alla potenza virale del social dei trend che si è capita l’importanza di creare contenuti brevi. Mentre gli altri social virano verso un cambio di registro e sulla brevità, Tik Tok decide di allungare la durata dei suoi video a 3 min.

Tra le altre novità introdotte per quest’anno, c’è anche la maggiore spinta che l’algoritmo dedicherà alle live dei creators. La novità maggiore quindi sarà la creazione di un rapporto sempre più diretto tra utenti e follower.

Ci sarà addirittura la possibilità di accedere, attraverso link pubblicati durante le live, a sconti esclusivi sugli e-commerce.

Social trend 2022: falli ridere

Insomma, a quanto pare per il 2022 i social punteranno su brevità e divertimento, non tralasciando mai, però, lo spirito divulgativo. C’è sempre più bisogno di trovare un luogo dove stare al sicuro e lontano dai problemi quotidiani. Ed è questo che internet cerca di offrire, dando la possibilità di coltivare interessi e divertirsi, sentendosi parte di una community.

E tu, sei pronto a far ridere i tuoi clienti?

Leggi tutto

Gabriella Avallone 12/05/2021

La campagna marketing per Hotel che ha conquistato il web

Un’idea semplice ma originale, non dispendiosa ma ben presto diventata virale, questo è il marketing che funziona! Ecco quando si parla di marketing efficace, che in questo caso ha saputo dare pieno risalto alla struttura dell’Hotel Enzo.

 

La campagna marketing che ha conquistato il web

 

La campagna marketing è stata pensata per la riapertura dell’albergo in questione, ad opera della Gest Group che ha voluto sperimentare un’originale strategia per uno degli Hotel del suo stesso gruppo, posizionato nell’area centrale del comune di Porto Recanati.

 

Da un giorno all’altro sui balconi dell’Hotel Enzo sono apparsi tanti orsi di peluche. Dal primo fino all’ultimo piano dell’albergo un’invasione di orsi che sembravano salutare i passanti. Proprio a simboleggiare che dopo un così il lungo letargo a causa delle chiusure imposte per via del Covid 19, l’albergo si è risvegliato ed è aperto al pubblico.

 

 

Una gran bella promozione per l’albergo che comunica di offrire ben 23 camere, con colazione, area wellness con sauna e palestra. Naturalmente ad accogliere i clienti non solo lo staff questa volta ma anche gli orsacchiotti!

 

Marketing per la riapertura degli Hotel

 

Una strategia riuscita in vista dello scenario di ripartenza del Turismo Nazionale. “Un’iniziativa di comunicazione dal tono ironico – affermano i marketers di Gest Group – che è parsa l’ideale per simboleggiare le riaperture delle attività ricettive e del mercato nazionale”. Scelta non casuale dell’Hotel Enzo, perché tra i tanti della catena era quello più centrale, posizionato in un’area strategica.

 

La campagna ha previsto anche l’aiuto dei canali social ed uffici stampa ma in particolar modo è grazie agli stessi passanti curiosi se le immagini sono diventate virali.

Posti nelle più strampalate posizioni, i simpatici peluche hanno saputo conquistare i passanti che hanno prontamente immortalato lo scenario insolito. Video e foto hanno naturalmente fatto il giro del web e ben presto hanno conquistato tutti.

 

 

L’istallazione di tanti orsacchiotti sui balconi dell’albergo ha suscitato subito interesse e curiosità da cittadini ed organi di comunicazione, visibilità che ha portato buoni risultati anche a livello economico, come afferma la CEO di Gest Group, Eugenia Gallo.

 

Una mossa che ha segnato proprio la ripartenza da un anno di fermo, proprio come dice lo stesso slogan della campagna: “L’inverno è finito e gli orsi si sono svegliati dal letargo”.

 

L’Hotel Enzo ha dimostrato di aver sfruttato al meglio il tempo passato in lockdown, risvegliandosi con una simpatica iniziativa ed al contempo una grande strategia di marketing per attirare l’attenzione e sperare così in una struttura piena e messa in sicurezza per l’arrivo dei turisti.

 

E tu cosa ne pensi di questa iniziativa?

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...